VIBRAZIONI

                

Vibrazioni pensose

attraversano sogni

chiusi nel cielo

di canzoni luminose.

Avrei voluto

che il mio canto,

come furia ardente,

solcasse il mare

del tuo cuore,

e andasse – onda

pacata –

dritta al punto

di non ritorno.

Libero

sarei poi tornato

ai raggi di sole

al tramonto,

ala imponente

incontro al vento

di colline in fiore.

Quieta mente,

Avrei sostato

alla finestra,

per incontrare

il tuo sguardo

fuso col mio,

nel tremore

di stelle

d’autunno.

Ora

ristagno languido,

a guardare innocenze

di bimbi, salvate

in cerchi di porpora

sublime,

leggende ardite

in campi

di gioiosa bellezza.

Tommaso Piemontese

 

VIBRAZIONIultima modifica: 2009-02-05T18:49:00+01:00da luigi655
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “VIBRAZIONI

Lascia un commento