LE SUE LABBRA

In quell’angolo buio

dove usavamo rifugiarsi

a tarda sera

i suoi limpidi occhi

sembravano m’implorassero

di baciarla appassionatamente.

La prossimità delle sue labbra

era incantevole e tentatrice

così dolce

più dolce ancora del Paradiso.

Che cosa si sia visto nei nostri occhi

io non so

ne ricordo

ma qualsiasi cosa essa sia stata

è ancora quì

nel più profondo del mio cuore.

Mai in vita mia ho posseduto

cosa più preziosa

e mai più potrò possedere

qualcosa di più magico.

L’anima mia si è sempre nutrita

di quel fuoco mistico

di quelle sensazioni

dei sogni e delle speranze

di quel merviglioso giardino

e di quel meraviglioso pomeriggio.

Oh, dolce passato

quando lei tremando in ogni fibra

del suo angelico corpo

m’offrì, silenziosamente

le sue vermiglie labbra

che io baciai

senza sapere che

non le avrei mai e poi mai

dimenticate.

Umberto Calzini

LE SUE LABBRAultima modifica: 2008-11-28T00:21:07+01:00da luigi655
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “LE SUE LABBRA

Lascia un commento