CIELI D’ACQUA DOLCE

l’acqua cede un poco della sua dolcezza

l’acquario è pieno di uccelli con pinne

la terra sommerge le radici di tutti pensieri

Domenica di messa

strade vuote

vie dello spirito con stigmate d’amore

sono un randagio in mezzo alla vita

piove

ma solo con illuminazioni

le ragioni dell’essere sono contaminate dai sogni

ho sostituito la valvola del cuore con una parola magica

i crampi allo stomaco per nostalgia

sono spariti

non ho nulla da perdere

se cammino senza allenamento verso l’infinito

piove di pesci rossi sulle schiene degli uomini

con squame blu al posto della pelle

con sabbie mobili per gli stagni dei nostri cervelli

piove di alghe legnose nella terra del prego

solo  tu manchi in questa boccia colorata

solo io manco al tuo voglio

scivola col pensiero l’inchiostro

all’insù

verso un pianeta stimolato dalla parola

scopro perché il cielo non è un mare salato

scopro perché l’infinito potresti essere tu

 Jacqueline Miu

CIELI D’ACQUA DOLCEultima modifica: 2008-05-24T16:17:22+02:00da luigi655
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento