Una lettura

 

L'immagine “http://www.scuolamontessoridavinci.it/soverini/lavoro%20artistica/iper-testo%20front-page/images/afrodi1.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Pioveva fuori.
Aprii il libro di Odisseo
e il libro cominciò con la sconfitta.
Sotto, immaginai, c’era la fitta
schiera di cimieri e alte controcielo
le aste dei barbari di Grecia;
sulle muraglie rosse,
ma in lontananza, e delicate come
il verde degli steli fra le pietre,
quelle dei fanti d’Ilio sbigottiti.
L’incantatore greco,
qui mi conduce e qui trema – pensai –
in mezzo a questa piana di polveri e di terre
che hanno veduto rompersi difesa
e forza e rovinare all’urto
del combattente acheo
le armi d’Ettore, il fuoriclasse d’Asia.
Pioveva fuori,
dentro l’oscillare del pendolo
tagliava minuti e il frusciare
teso dei fogli.
Per tre volte intorno alle mura
e trenta miglia almeno,
legati gli stinchi al carro di guerra,
sconcio e scempio facendone,
Achille trascinò le spoglie
del principe di Priamo
finché, estenuata, la ferocia
ricadde come polvere sul campo.
Lí posava la testa bruna d’Ettore
e potevi vedere
di sotto le palpebre malchiuse
il bianco delle sclere rovesciate
e potevi sentire,
ma prima che Achille in alto levasse
via nel cielo
asta di frassino e urlo di vittoria,
salire dal corpo del vinto
il silenzio del vincitore vero.

 

Pierluigi Cappello

Una letturaultima modifica: 2007-08-03T08:43:34+02:00da luigi655
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Una lettura

  1. …salire dal corpo del vinto
    il silenzio del vincitore vero.”
    …molto profonda questa lettura che appare anche di difficile comprensione! è molto bella! superba scelta!

I commenti sono chiusi.