lacrima

lacrima Il tuo Mistero d’essese e d’apparire Mi confonde Mi percuote E turba i miei istinti Che impauriti vagano senza saper cosa fare per paura di sbagliare Cercano in vano la via, di un tuo gesto che non arriverà mai. No l’amore no .. quello non mi spaventa perchè ancora non c é … Ma forse si hai ragione…. Una … Continua a leggere

…sul mare

…sul mare Pensieri si affollano nella testa come spuma di mare sulla riva, preoccupazioni che entrano in testa come fitti urli di gabbiani affamati, la gelosia rode,morde, come la brezza fredda d’inverno che modella gli scogli; acri odori di mare inebriano i pensieri e drogano la mia sofferenza che impaurita si nasconde sotto le dune di crema: in superficie calda … Continua a leggere

Sognarti

Sognarti Scivolano le dita della notte sui miei pensieri e sul sonno che tarda a venire. Scivolano sulla tua immagine, costantemente presente e che, piacevolmente, non mi lascia dormire. Scivolano sulla voglia, incancellabile, di stare sul tuo corpo. di Franco Limbardi

DONNA(2)

DONNA(2) Tu, bambina in una culla, gioia per tuo padre, tenera fanciulla. Tu stessa sposa e madre, amica fedele e tenera sorella, tu, tenera nonna. Tu, sempre ridente stella, tu, preziosa donna, tu, profumato fiore. Tu sempre il faro presso il quale ogni cuore trova riparo

sfiora

sfiora Labbra appena sfiorate, Labbra sfuggenti, Umide…. e calde di passione ma fredde e arse dalla paura, paura di dover sbagliare ancora, paura di un non domani. Non perderti tra rimorsi e rimpianti, non farle appassire, lasciale sfiorare ancora lascia che vengano ancora coccolate dall’amore della passione Senza paura Ancora una volta… di Giuseppe sciacca

Alla mia principessa.

Alla mia principessa.. Ancora un pianto, Oggi. Riversato su di un volto ormai spossato. A causa di un cuore incessantemente vilipeso. Che privo di se stesso brancola nel buio. Baratro lontano.. Di un Animo perduto. Che un riso licenzi il dolore… Che l’orgoglio possa essere accantonato da un sorriso. Che l’illusione di non appartenere Più Solo a me stesso Duri … Continua a leggere

Mio malgrado

…Assunto mio malgrado nella fabbrica delle ideemi sono rifiutato di timbrare il cartellinoMobilitato altresì nell'esercito delle ideeho disertatoNon ho mai capito granchéNon c'è mai granchéné piccolo cheC'è altro.Altrovuol dire che amo chi mi piacee ció che faccio. Jacques Prévert

Il mazzo di fiori

Il mazzo di fiori Che fai laggiù bambina Con quei fiori appena colti Che fai laggiù ragazza Con quei fiori quei fiori seccati Che fai laggiù bella donna Con quei fiori che appassiscono Che fai laggiù già vecchia Con quei fiori che muoiono Testo: Jacques Prévert